Sostieni i DFA

/Sostieni i DFA
Sostieni i DFA 2016-09-21T06:32:25+00:00

Aderire al Fun Club DFA  è un modo diretto per aiutare la nostra Associazione nel raggiungimento degli obiettivi prefissati ad ogni inizio anno. Basta fare una donazione volontaria e compilare il modulo on line di “Adesione volontaria al progetto Divers for Africa”.

Come sostenitore dei Divers for Africa stai investendo in una Associazione che fornisce aiuti direttamente e senza intermediari all’ Ospedale St Francis di Ifakara in Tanzania.

Divers for Africa si basa esclusivamente sul contributo volontario ed è per questo che anche il valore di un solo €uro donato è prezioso, soprattutto se finalizzato a migliorare le possibilità di sopravvivenza per molte persone meno fortunate di noi.

Con la certezza che insieme faremo la differenza…

Grazie per il tuo supporto !!!

BENEFICI FISCALI 

Privati e Imprese: Il sistema fiscale premia i cittadini e le aziende che vogliano sostenere le attività delle Onlus.

PRIVATI

 E’ possibile detrarre dall’imposta lorda il 19% dell’importo donato a favore delle Onlus, fino ad un massimo di 2.065,83 euro (art. 15-bis del D.p.r. 917/86).

OPPURE, è possibile dedurre dal proprio reddito le donazioni a favore delle Onlus, per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato e comunque nella misura massima di 70.000,00 euro annui (art.14 comma1 del Decreto Legge 35/05 convertito in legge n° 80 del 14/05/2005)

IMPRESE

 E’possibile dedurre le donazioni a favore delle Onlus per un importo non superiore a 2065,83 euro o al 2% del reddito d’impresa dichiarato (art.100 comma 2 del Dpr 917/86)

OPPURE, è possibile dedurre dal proprio reddito le donazioni a favore delle Onlus, per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato e comunque nella misura massima di 70.000,00 euro annui (art. 14 comma 1 del Decreto Legge 35/05 convertito in legge n° 80 del 14/05/2005)
Le agevolazioni fiscali non sono cumulabili tra di loro

La Legge.266/2005 consente l’integrale deduzione dal reddito del soggetto erogante dei fondi trasferiti per il finanziamento della ricerca, a titolo di contributo o liberalità, in favore di Università, fondazioni universitarie, istituzioni universitarie pubbliche ed enti di ricerca pubblici. Art. 1, 353. Sono integralmente deducibili dal reddito del soggetto erogante i fondi trasferiti per il finanziamento della ricerca, a titolo di contributo o liberalità, dalle società e dagli altri soggetti passivi dell’imposta sul reddito delle società (IRES) in favore di università, fondazioni universitarie di cui all’articolo 59, comma 3, della legge 23 dicembre 2000, n. 388, e di istituzioni universitarie pubbliche, degli enti di ricerca pubblici, delle fondazioni e delle associazioni regolarmente riconosciute a norma del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 10 febbraio 2000, n. 361, aventi per oggetto statutario lo svolgimento o la promozione di attività di ricerca scientifica, individuate con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, adottato su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca e del Ministro della salute, ovvero degli enti di ricerca vigilati dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, ivi compresi l’ISS e l’ISPESL, nonchè degli enti parco regionali e nazionali.L’Art. 14 del decreto Legge n. 35/2005 (convertito nella Legge n. 80/2005) stabilisce che i contributi liberali in denaro o in natura erogati da persone fisiche o da enti soggetti all’IRES in favore delle ONLUS sono deducibili dal reddito complessivo del soggetto erogatore nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato, e comunque nella misura massima di 70.000 euro annui. Le donazioni sono deducibili solo se vengono effettuate con bonifico bancario, carta di credito (anche prepagata), bollettino postale o assegno bancario/circolare.